Riaperto il plesso “Carrera” della Scuola Primaria di Roccella Ionica. Nuovo look per l’edificio scolastico dopo i lavori di ammodernamento promossi dal Comune.

ROCCELLA LOCRI, IL DERBY DELLA LOCRIDE
settembre 26, 2018
Riparte il progetto di Radio Roccella “Officine Musicali”
settembre 29, 2018

Inaugurato, con la benedizione del parroco mons. Giuseppe Raco, il plesso della Scuola Primaria “Carrera” dell’Istituto comprensivo “Coluccio – Filocamo” di Roccella Ionica, riaperto alle attività scolastiche dopo l’esecuzione di consistenti lavori di efficientamento energetico promossi dal Comune ionico e finanziati dalla Regione Calabria  con un contributo di 800 mila euro.

Gli interventi sono stati realizzati secondo un progetto redatto dal Responsabile  comunale dell’Area opere pubbliche e manutenzione, ing. Lorenzo Surace,  e sotto la direzione dei lavori di un Raggruppamento temporaneo di professionisti con capogruppo l’arch. Domenico Tripodi ed hanno portato al rifacimento dell’involucro esterno dell’edificio mediante isolamento a cappotto sia delle facciate sia della copertura, al fine di migliorare la risposta termica e nello stesso tempo ottenere un risparmio energetico. Si è provveduto, inoltre, alla ricostruzione dei cornicioni esterni e delle controsoffittature, al rinnovo delle pavimentazioni interne con piastrelle in ceramica, al rifacimento dei bagni, alla revisione degli impianti dell’aula di Informatica, all’illuminazione esterna ed alla ripavimentazione dei marciapiedi.

Qualche anno addietro, l’edificio scolastico era stato interessato anche da lavori di adeguamento in materia di sicurezza, igiene, agibilità e superamento delle barriere architettoniche, realizzati sempre dal Comune di Roccella Ionica, su progetto dell’ing. Surace, con un finanziamento del Miur dell’importo di 200 mila euro.

La cerimonia di inaugurazione, introdotta dall’Inno Nazionale intonato dagli alunni, si è svolta nel cortile della scuola alla presenza degli studenti, accompagnati dalle famiglie,  degli insegnanti ed operatori scolastici, dei progettisti e direttori dei lavori,  di cittadini e autorità,  ed ha registrato  gli interventi di saluto del sindaco Giuseppe Certomà, presente  insieme ad  una delegazione della squadra di governo  (il vicesindaco Vittorio Zito, l’assessore alle Politiche sociali Alessandra Cianflone, l’assessore ai Lavori Pubblici Francesco Scali, la consigliera delegata ai Rapporti con le scuole Paola Circosta), della dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Rosita Fiorenza e di mons. Giuseppe Raco che, oltre al nuovo plesso,  ha benedetto anche il nuovo scuolabus di cui si è dotato il Comune.

“La scuola ci aiuta a rendere bella e preziosa la nostra vita”, ha ricordato mons. Raco, augurando agli alunni “che il tempo che andranno a trascorrere nel nuovo plesso ed il lavoro  che andranno a svolgere applicandosi nello studio possa  aiutarli a crescere  bene, come persone capaci di costruire una società migliore per tutti”.

La Preside Fiorenza  ha ringraziato l’amministrazione,  i collaboratori scolastici e la comunità presente auspicando “un anno scolastico sereno e all’insegna dell’apprendimento per i ragazzi che potranno disporre di una nuova e bella  “casa” dove vivere tante ore della loro giornata”.

Il Primo Cittadino Certomà, prima di porgere gli auguri agli alunni e al personale della scuola per l’avvio del nuovo anno,  ha rimarcato il grande impegno dell’amministrazione verso il settore scolastico, dicendosi convinto “che  una società non va da nessuna parte se non ha una buona Scuola”.

“Oggi consegniamo un bene primario alla comunità – ha evidenziato il Sindaco – ,  un edificio in condizioni ottimali su tutti i livelli: della sicurezza, della efficienza e della funzionalità. Ma non ci limitiamo solo a questo. Altri lavori sono in dirittura d’arrivo per la Scuola Media  e  per la Scuola Primaria del plesso “XXV Aprile” , mentre sul fronte dei servizi a breve partiranno l’assistenza specialistica a supporto dell’istruzione  degli alunni disabili  e la  mensa scolastica”.

“Puntiamo ad avere scuole d’avanguardia – ha concluso il prof. Certomà –   sulla scia di un servizio che a Roccella è sempre stato ottimale anche grazie all’impegno profuso negli anni da tanti docenti e  dirigenti scolastici”.

Stefania Parrone